LA TUA POLEMICA NEL BLOG?

Prenota il tuo spazio qui. INFO

giovedì 23 novembre 2017

di Gigi Manini

Nella sedicesima giornata del campionato di serie B 2017-2018 arriva al Liberati il Perugia, per un derby umbro ad altissima tensione e di grandissima importanza, molto atteso sia a Terni che a Perugia e che per entrambe le squadre e le loro tifoserie può valere quasi una intera stagione. 

La Ternana, che avrà il vantaggio di giocare in casa e con l'appoggio del pubblico, vi arriva in una posizione di classifica difficile e delicata, e quindi non può permettersi ulteriori passi falsi, mentre il Perugia, che non avrà i suoi ultras al seguito, e' reduce dalla sonante vittoria in casa con il Carpi, che segue pero' una fase del campionato molto difficile per i biancorossi, i quali hanno raccolto solo due punti nelle 8 partite che hanno preceduto la partita con il Carpi. 

I grifoni erano partiti alla grande in campionato, giocando anche un calcio spettacolare ed entusiasmante, ma dopo le prime partite nelle quali si erano posizionati nelle zone alte della classifica, hanno avuto, come detto sopra, una lunga fase negativa di gioco e di risultati, anche per malumori e fratture all' interno dello spogliatoio, che li ha fatti scendere fino alle ultime posizioni in classifica. 
A quel punto la società biancorossa ha esonerato l'allenatore Giunti, e lo ha sostituito con Breda, ex tecnico di Reggina, Latina, Entella ed anche Ternana nel 2015-2016, oltre che ex centrocampista di buon valore di Salernitana e Genoa tra le altre, il quale, dopo qualche partita di assestamento, sembra aver rilanciato il Perugia, atteso pero' certamente ad una conferma al Liberati. 

Il tecnico veneto, che ha sicuramente lasciato un buon ricordo a Terni, ha cercato di ricompattare lo spogliatoio dei grifoni, e sembra esserci riuscito, anche per le due settimane di ritiro a Roccaporena che ha imposto alla sua squadra, ed ha puntato prima sul suo consueto modulo 4-2-3-1, poi, nella partita con il Carpi, per un 4-3-1-2 che, visti i risultati, riteniamo possa riproporre anche a Terni. 

In porta giocherà Rosati, esperto estremo difensore classe 83', alla terza stagione in maglia biancorossa, ex Lecce, portiere molto alto e dotato fisicamente, fortissimo tra i pali, meno bravo nelle uscite, molto criticato a Perugia in questa prima parte della stagione. 

In difesa sugli esterni ipotizziamo a destra Belmonte, ex Bari e Siena, anche lui alla terza stagione a Perugia, difensore molto veloce e forte fisicamente, attento e sicuro in fase difensiva e bravo anche a proporsi nella meta' campo avversaria, ed a sinistra il croato Pajac, arrivato in estate in prestito  dal Cagliari, l'anno scorso a Benevento, esterno mancino anche lui molto forte fisicamente, che può giocare sia in difesa che a centrocampo, bravo tatticamente e molto rapido, dotato di un ottimo calcio che sfrutta bene sia nei tiri da fuori che nei cross in area per i compagni, mentre dovrebbero partire dalla panchina l'ex rossoverde Zanon, arrivato in estate a Perugia proprio dalla Ternana, con la quale ha giocato 2 stagioni ad un buon livello, ex anche di Celano, Pescara e Frosinone, esperto terzino classe 83', bravo sia in fase di spinta che in fase di copertura, dal rendimento pero' molto altalenante fino adesso in questa stagione, e Del Prete, esterno tra i più validi della cadetteria anche se un po' in la' con gli anni, bravo anche lui sia in difesa che in fase offensiva, molto abile nei cross in area per gli attaccanti, ex Crotone, ormai da diverse stagioni in maglia biancorossa, tanto da divenire capitano e trascinatore dei grifoni, il quale ha sempre ben figurato contro la Ternana, ma in questo campionato non ha finora mai convinto appieno, ed e' inoltre convalescente da un infortunio che lo ha tenuto fuori per qualche settimana. 

I due centrali dovrebbero essere Volta, ex Sampdoria e Cesena, alla terza stagione a Perugia, difensore molto forte di testa ed in acrobazia, con un grande senso della posizione e dell'anticipo, probabilmente uno dei difensori centrali più forti ed affidabili della categoria, bravo anche a far ripartire l'azione da dietro, anche lui pero' quest'anno non sempre impeccabile in diverse prestazioni, e Monaco, altissimo e poderoso difensore anche lui alla terza stagione in maglia biancorossa, fortissimo e quasi insuperabile di testa, non rapidissimo pero' se puntato nell'uno contro uno palla a terra. Non e' da escludere peraltro che Breda scelga di schierare, al posto di uno dei due centrali che, essendo non velocissimi, potrebbero soffrire la velocità degli attaccanti della Ternana, Belmonte, difensore, come dicevamo, molto rapido, e magari possa reinserire al posto di quest'ultimo, sulla fascia destra, Zanon. 

A centrocampo i tre dovrebbero essere Brighi, alla seconda stagione a Perugia, esperto centrocampista classe 81', ormai in la' con gli anni, ma ancora validissimo ed integro fisicamente, dinamico ed eclettico e dotato di piedi buoni e grande senso geometrico, che nella sua lunga carriera ha indossato molte prestigiose maglie tra cui quelle della Juve, della Roma, del Bologna, del Chievo, del Sassuolo e del Torino, collezionando quasi 400 presenze in serie A ed anche 4 presenze nella nazionale maggiore, Bandinelli, ex Latina, arrivato in estate in prestito dal Sassuolo, centrocampista duttile, bravo sia in fase di interdizione che nella costruzione della manovra, ed, in posizione centrale, l'argentino Colombatto, giovane classe 97' molto interessante, cresciuto in patria nel fertile vivaio del River Plate, arrivato a Perugia nel mercato estivo in prestito dal Cagliari, l'anno scorso sempre in prestito a Trapani, regista mancino talentuoso e tecnico, dotato, nonostante la sua giovane età, di grande senso tattico, già diventato, in questa prima fase del campionato, il faro del centrocampo biancorosso, mentre dovrebbe accomodarsi in panchina Bianco, ex Carpi, acquistato in estate dai grifoni, centrocampista considerato tra i migliori della B per le sue doti sia in fase di copertura che in fase di costruzione del gioco, e per la sua grande personalità in campo, ma che ha finora deluso in gran parte le aspettative dei tifosi e della società biancorossa, che lo consideravano uno degli acquisti più importanti del mercato estivo. 

Il trequartista dovrebbe essere Buonaiuto, ex Benevento, da due stagioni di proprietà del Perugia, il campionato scorso in  prestito a Latina, quest'anno lanciato in pianta stabile in prima squadra, fantasista estroso e molto tecnico, uno dei migliori in questo inizio di stagione a fasi alterne del Perugia, mentre dovrebbero partire dalla panchina Falco, ex Lecce, Trapani e Benevento, arrivato in prestito dal Bologna in estate, più volte accostato alla Ternana in carriera, ma mai arrivato in maglia rossoverde, attaccante mancino, brevilineo, rapido e molto tecnico, dotato di un dribbling ubriacante e di un gran tiro da fuori, che ama partire da attaccante esterno destro per convergere al tiro con il sinistro, ma che può giocare anche da seconda punta, o da trequartista o da centrocampista avanzato, sicuramente temibile ed imprevedibile se in giornata, ma che in maglia biancorossa non sta trovando finora molto spazio, tanto da far pensare ad una sua partenza nel mercato di gennaio, e Terrani, anche lui trequartista od attaccante esterno tecnico e fantasioso, arrivato a Perugia dalla Lucchese nello scorso mercato invernale di gennaio.  

In attacco dovrebbe avere un posto sicuro Di Carmine, ex Cittadella e Juve Stabia, alla terza stagione a Perugia, attaccante cresciuto nel settore giovanile della Fiorentina, molto forte fisicamente e dotato anche di buoni piedi e di uno spiccato senso del gol, già 8 reti in questa stagione, nella quale finora e' stato tra i biancorossi con il migliore rendimento, mentre si giocano l'altro posto il nordcoreano Han, arrivato anche lui in estate in prestito dal Cagliari, giovane talento classe 98' già entrato nel giro della nazionale del suo paese, partito alla grande in questo campionato, poi coinvolto nella crisi generale del Perugia, attaccante moderno, tecnico e veloce che ama svariare su tutto il fronte dell'attacco, dotato di ottimo fiuto del gol, e Cerri, al rientro dalla squalifica, attaccante cresciuto nel florido settore giovanile del Parma, molto alto e forte fisicamente, temibile di testa ed in acrobazia, bravo anche a proteggere la palla ed a giocare di sponda per i compagni, titolare nella nostra nazionale Under 21, ex Cagliari, ceduto in prestito ai grifoni dalla Juventus nel mercato estivo. 

L'arbitro sarà Gianluca Aureliano della sezione di Bologna
Reazioni:

0 commenti inseriti:

Posta un commento

Commenta la polemica....

ranktrackr.net