LA TUA POLEMICA NEL BLOG?

Prenota il tuo spazio qui. INFO

martedì 20 marzo 2018


Negli ultimi anni sono stati fatti notevoli passi avanti nell’integrazione lavorativa delle persone adulte con disabilità, così come nell’assistenza degli alunni con disabilità nelle scuole, e se tuttavia ancora  c’è molto da lavorare in questi settori, quello che appare evidente a qualsiasi operatore sociale del territorio è come, una volta usciti da questi contesti, manchi completamente un luogo destinato all’integrazione, specialmente per i bambini.
Un luogo che sappia proporre un vario e valido programma di attività, capace di coinvolgere e favorire un’ampia partecipazione da parte di tutta la comunità e incoraggiando una sensibilizzazione generale verso tematiche e situazioni che spesso si tende a ignorare più o meno volutamente.


Il progetto "La Casa dei Pagliacci" nasce per questo, con lo scopo di fornire assistenza ai bambini con disabilità e alle loro famiglie attraverso l’erogazione di servizi e la creazione di un luogo dove l’inclusione e la solidarietà siano il fondamento di tutte le iniziative messe in campo.

Il Presidente dell'associazione "I Pagliacci", Alessandro Rossi, con orgoglio e passione sintetizza i suoi obiettivi in vista dell'imminente apertura del suo "gioiello", e -dichiara- "stiamo ancora lavorando per terminare i lavori in tempo". 

"Il progetto con le sue caratteristiche si presenta come un unicum nel territorio regionale".

L'associazione "I Pagliacci" si pone concretamente la volontà di creare un luogo di incontro sociale, culturale ed educativo con forti caratteristiche di comunità, d’inclusione e d’appartenenza, un regalo a tutta la comunità.
La Casa dei Pagliacci è stata realizzata a misura di bambino, di tutti i bambini, anche di quelli con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, sarà accessibile e priva di barriere architettoniche e ambientali, uno spazio in cui si possano trascorrere insieme, senza divisioni, momenti ludici, creativi ed educativi.
Numerose saranno le attività e gli incontri destinati a tutti i bambini della città e del comprensorio, che potranno accedere ad attività ludiche, creative ed educative altamente formative, verrà proposto il coinvolgimento anche degli Istituti scolastici di ogni ordine e grado del territorio, con particolare attenzione alle scuole primarie, attraverso incontri in loco tesi a sensibilizzare le nuove generazioni verso valori come la solidarietà, la generosità, il rispetto e sostegno reciproco come contrasto verso il fenomeno del bullismo e della violenza.

La Casa dei Pagliacci sarà dotata di attrezzature e materiale ludico-didattico fedeli ai principi dell’Universal Design, perseguendo un approccio metodologico che indirizza il progetto, fin dalla sua genesi, ad un’Utenza Ampliata al fine di creare un ambiente confortevole e capace di adeguarsi alle necessità dei bambini a prescindere dalle loro condizioni psicofisiche.
All’interno della struttura sarà presente una biblioteca con libri per l’infanzia, anche in braille, e testi per approfondire le tematiche inerenti la disabilità, nonché uno spazio destinato allo scambio dei volumi.


La sala laboratori sarà dedicata a David Raggi e Francesco Schiarea. La realizzazione del Progetto è stata possibile grazie al contributo della Fondazione Carit.
I laboratori in allestimento saranno: laboratori creativi, teatrali, musicali, di riciclo, di giocoleria, di piccolo circo e di magia, incontri di arteterapia, yoga e terapia del sorriso, letture animate, educazione ambientale e percorsi sensoriali. 
Attività gratuite ad offerta, tutte le iniziative e i costi della struttura, dalle utenze all'affitto sono a carico dell'associazione "I Pagliacci".
A scopi informativi e divulgativi saranno inoltre inseriti nel programma dibattiti e convegni che coinvolgeranno tutta la cittadinanza, nonché corsi di formazione per professionisti e non.
Sono in corso di definizione altri servizi con appuntamenti intergenerazionali con una dimensione progettuale sul domani, dove le attività potranno essere legate alla natura e al giardinaggio, alla pittura, all’artigianato, alla cucina, alla lettura e altro ancora.
Un progetto di comunità, la "Casa dei Pagliacci" si propone di portare a conoscenza dei suoi frequentatori, tenendo conto della pluralità dei bambini nella normalità della loro eterogeneità, la disabilità in tutte le sue sfaccettature, coinvolgendo direttamente tutte le famiglie di bambini con patologie e non, con l'obiettivo di considerare il bambino con disabilità una parte del mondo e non un mondo a parte per un generale arricchimento della società civile.
Lo scopo è quello di aiutare i bambini a sviluppare un’alfabetizzazione emotiva, ovvero la capacità di vivere comunitariamente e di condividere, di essere soddisfatti di se stessi, delle proprie capacità e creazioni, di svilupparsi in armonia con gli altri e con l’ambiente circostante, sperimentando la solidarietà quale antidoto al modello violento dei comportamenti prevaricatori e di dominio degli altri.






Reazioni:

0 commenti inseriti:

Posta un commento

Commenta la polemica....

ranktrackr.net