LA TUA POLEMICA NEL BLOG?

Prenota il tuo spazio qui. INFO

giovedì 19 aprile 2018

di Gigi Manini

Nella 37 giornata del campionato di serie B 2017-2018 la Ternana va a Perugia ad affrontare i grifoni biancorossi in un un derby umbro come al solito infuocatissimo  e quest'anno molto importante per la classifica di entrambe le squadre, essendo  in piena lotta il Perugia per  la promozione in serie A, e la Ternana per raggiungere almeno i play out salvezza. 

La società biancorossa, dopo un girone di andata a fasi alterne caratterizzato da un ambiente assolutamente spaccato, a cominciare dallo spogliatoio e dai rapporti giocatori-tecnico, a gennaio ha ridisegnato la squadra, che dopo il mercato invernale ha cambiato nettamente marcia fino a raggiungere le prime posizioni, ed a candidarsi per un posto nei playoff se non per la promozione diretta. 

I grifoni sono in questa fase della stagione probabilmente tra le squadre più in forma del torneo e sono reduci dalla vittoria esterna di Carpi che li ha lanciati ulteriormente nella lotta per le prime posizioni. In panchina siede mister Breda, che ha sostituito dopo undici giornate Giunti, il quale aveva raccolto una serie di risultati deludenti culminati addirittura con cinque sconfitte consecutive ed era entrato in palese conflitto, come dicevamo, con lo spogliatoio. Il tecnico veneto, ex centrocampista di Messina, Genoa e soprattutto, per molte stagioni, della Salernitana, ed ex tecnico della Reggina, del Latina e dell'Entella oltre che della Ternana nella stagione 2015-2016, ha schierato quasi sempre il suo Perugia quest'anno con il modulo 3-5-2 o con il 3-4-1-2 e probabilmente sarà quest'ultimo lo schema scelto dall'allenatore trevigiano nella sfida di domenica al Curi. 

In porta dovrebbe giocare Leali, arrivato a Perugia nel mercato invernale in prestito dalla Juventus, per sostituire Rosati che aveva invece giocato nella prima parte della stagione, fino a gennaio in prestito in Belgio al Zulte Waregem, ex anche di Brescia Spezia e Frosinone, portiere molto alto, agile e reattivo tra i pali, meno sicuro nelle uscite, che sembrava qualche anno fa avviato ad una splendida carriera ed a divenire uno dei migliori portieri italiani, un po' persosi con il passare degli anni, ma che da quando e' arrivato a Perugia sembra tornato ad ottimi livelli di rendimento. 

In difesa i tre titolari dovrebbero essere Volta, ex Sampdoria e Cesena, alla terza stagione a Perugia, difensore molto attento e deciso in marcatura, sicuro e costante nel rendimento, che vanta già circa 250 presenze nella serie cadetta, fortissimo di testa sia in difesa che nell'area avversaria, probabilmente tra i difensori più forti e di sicuro affidamento della categoria, Del Prete, ex Crotone, ormai alla quarta stagione a Perugia, capitano e bandiera dei grifoni, esperto difensore di  grande temperamento e personalità in campo, versatile e capace di sacrificarsi in  tutti i ruoli della difesa, bravissimo e molto incisivo anche come esterno di centrocampo, calciatore indomito e dotato di un grande agonismo e combattività che a volte vanno anche sopra le righe, e Belmonte, ex Bari e Siena, giocatore che ha disputato in carriera diversi campionati nella massima serie, anche lui alla terza stagione in maglia biancorossa, difensore duro, roccioso ed anche veloce, esperto e molto attento in marcatura, mentre dovrebbe partire dalla panchina l'italo argentino Dalla Fiore, difensore esperto molto alto e forte fisicamente, duro e deciso negli interventi, molto forte di testa e nel gioco aereo e discreto anche con i piedi, un po' lento pero' data la sua non più verdissima eta' ed il suo fisico imponente. 
Dalla panchina dovrebbero partire anche gli ex rossoverdi Zanon, alla Ternana nelle due ultime stagioni 2015-2016 e 2016-2017, nelle quali si e' sempre disimpegnato bene dimostrando attaccamento alla maglia, ex anche di Celano, Pescara e Frosinone, arrivato a Perugia nell'ultimo mercato estivo, esperto difensore esterno classe 83', che può giocare sia a destra che a sinistra, anche lui di grande temperamento e personalità in campo, bravo sia in fase difensiva che in quella propulsiva, specialista dei cross in area per i compagni, e Germoni, classe 97' prodotto del florido settore giovanile della Lazio, arrivato a Perugia in prestito proprio dalla Lazio nel mercato di gennaio, dopo aver militato a Parma nella prima parte della stagione, l'anno scorso sempre in prestito alla Ternana, con la cui maglia ha alternato buone prestazioni ad altre meno convincenti, esterno mancino dotato di grande dinamismo e facilita' di corsa e di un buon piede sinistro, che deve probabilmente ancora migliorare in fase difensiva, mentre non dovrebbe essere disponibile, salvo un miracoloso recupero dell'ultima ora, Magnani, arrivato a Perugia a gennaio dal Siracusa, difensore classe 95' molto alto, potente e forte fisicamente, che si e' imposto come grande sorpresa in questa fase del campionato ed e' già attenzionato dagli osservatori della Juventus, ma che ha avuto un problema ai muscoli del polpaccio nei giorni scorsi, e neanche l'altro ex rossoverde Gonzalez, arrivato a gennaio in prestito dal Verona, fermo da alcune settimane. 

A centrocampo sugli esterni dovrebbero giocare a destra Mustacchio, cresciuto nel settore giovanile del Brescia, ex Vicenza e Pro Vercelli, club dal quale e' arrivato al Perugia nel gennaio 2017, esterno bravo soprattutto in fase offensiva, ma che sa sacrificarsi anche in fase di copertura, dotato di grande corsa e dinamismo, molto abile anche ad inserirsi in zona gol ed a sinistra Terrani,  anche lui arrivato a Perugia nel gennaio 2017, proveniente dalla Lucchese, anche lui esterno dalle spiccate attitudini offensive, molto vivace e dotato di ottima tecnica individuale ma spesso discontinuo nel rendimento, mentre i due centrali dovrebbero essere Bianco, ex regista del Carpi per molte stagioni, cresciuto nel settore giovanile della Juventus, arrivato a Perugia nel mercato estivo, centrocampista che predilige giocare in posizione di centrale davanti alla difesa, di grande personalità, dotato di buon senso geometrico e di ottima visione di gioco, ed anche di un calcio molto potente, che sfrutta bene nei calci piazzati, e lo svedese Gustafson, arrivato a gennaio in prestito dal Torino, anche lui sorpresa positiva in questo girone di ritorno del Perugia, ennesima scommessa vinta dal ds biancorosso Goretti, sicuramente uno dei migliori direttori sportivi della categoria, centrocampista molto forte e potente fisicamente, dinamico e veloce. 

Sara' invece squalificato l'argentino Colombatto, arrivato in prestito nel mercato estivo dal Cagliari, l'anno scorso sempre in prestito a Trapani, regista mancino dai piedi buoni dotato di grande tecnica individuale e di grande facilita' di calcio, cosi' come sarà indisponibile perchè infortunato alla spalla Bandinelli, centrocampista dotato di intelligenza tattica e di ottima tecnica individuale, ex Latina, arrivato in maglia biancorossa in prestito dal Sassuolo nel mercato estivo, mentre dovrebbe  partire dalla panchina l'ivoriano Kouan, interessantissimo prospetto classe 99' scovato da Goretti addirittura tra i dilettanti ed aggregato in estate alla primavera e poi, con l'avvento di Breda, trapiantato in prima squadra, dove ha avuto già modo di mettersi in luce per alcuni gol decisivi, per le sue grandi doti di corsa e dinamismo e per la sua personalità in campo nonostante la giovane età. 

Il trequartista potrebbe essere Diamanti, calciatore che vanta 17 presenze nella nazionale maggiore, fantasista di immenso talento e grande tecnica individuale, dal piede mancino magico, temibilissimo sui calci piazzati, incontenibile se in giornata, penalizzato in carriera da una certa discontinuità di rendimento  e da un carattere difficile che lo ha messo spesso in contrasto con i suoi allenatori, ma dotato di una classe cristallina, classe 83' un po' in la' con gli anni ma con ancora una gran voglia di giocare al calcio, ex tra le altre di Albinoleffe, Livorno, West Ham, Brescia, Bologna, al Palermo la scorsa stagione, arrivato nel mercato invernale da svincolato a Perugia e già messosi in gran luce in questo scorcio di stagione, oppure Buonaiuto, ex Benevento, alla seconda stagione a Perugia, trequartista o seconda punta estroso e tecnico, bravo a fornire assist x i compagni, temibile anche in area di rigore. 

In attacco dovrebbero giocare Di Carmine, ennesimo prodotto del settore giovanile della Fiorentina, ex Cittadella e Juve Stabia, alla terza stagione a Perugia, esploso quest'anno con 18 reti finora dopo alcune stagioni in serie B dal rendimento altalenante, attaccante molto forte fisicamente, temibile in area di rigore e bravo anche a far salire la squadra ed a giocare di sponda per i compagni, e Cerri, giovane classe 96' arrivato in prestito a Perugia dalla Juventus nel mercato estivo, cresciuto nel settore giovanile del Parma, titolare nella nazionale under 21, attaccante molto alto e potente fisicamente, fortissimo di testa e nel gioco aereo, anche lui bravo a far salire la squadra oltre che nelle conclusioni in porta, un po' macchinoso nei movimenti ma sicuramente importantissimo per il gioco offensivo del Perugia, soprattutto quando si tratta di scardinare difese chiuse nella propria area di rigore. Non e' da escludere peraltro che al posto di Cerri possa giocare uno tra Buonaiuto e Diamanti, con l'attaccante di proprietà della Juventus pronto a subentrare se dovesse servire maggiore peso in attacco. 

L'arbitro sarà La Penna di Roma.

Reazioni:

0 commenti inseriti:

Posta un commento

Commenta la polemica....

ranktrackr.net