LA TUA POLEMICA NEL BLOG?

Prenota il tuo spazio qui. INFO

sabato 24 marzo 2018

di Andrea Liberati- Consigliere regionale  M5S 

Imu e Tasi alle stelle, così come svariate altre tariffe, imposte e diritti: pessime decisioni assunte appena 48 ore fa dal commissario prefettizio di Terni a seguito del dissesto economico-finanziario cui è da tempo precipitato l'Ente diretto dall’ex sindaco Leopoldo Di Girolamo. 

Siete dunque a Terni e qui avete un'abitazione, anche piccola, regolarmente affittata a canone concordato? Ebbene, la vostra IMU presto crescerà del +35%. E un +10%anche se l'abitazione fosse concessa in uso gratuito ai parenti stretti (dopo gli aumenti del +25% degli anni precedenti).
Avete un ufficio o un capannone fino a mq. 500? Si salirà a +40% di IMU.
Avete un negozio o un laboratorio? Se fruite di agevolazioni triennali –a precise e limitate condizioni- sappiate che, dal 2019, dovrete pagare dal +40% al +130% di IMU!
Anche chi avesse una struttura ricettiva dovrà corrispondere il +20% di IMU, nonostante i tanti segni meno sul fronte dell’occupazione delle camere.
Chiaramente questi vorticosi incrementi colpiscono l’attrattività generale, già critica, della città di Terni, salassando ulteriormente le aziende locali, ma rischiando di ripercuotersi anche su tutti gli inquilini, riducendo il potere di spesa di chiunque, esclusivamente a causa dei maxi debiti accumulati da coloro che 'gestiscono' il Comune da decenni.
 
Ognuno, per almeno cinque anni, dovrà pagare il massimo, pur a fronte di servizi da Terzo mondo! Gli aumenti colpiranno quindi indiscriminatamente tutti, a partire dai più deboli.
Anche la TASI sarà portata al massimo, paradossalmente per coprire i costi dell'illuminazione pubblica, della manutenzione delle strade, del verde pubblico, pur trattandosi di una città buia, piena di buche e dal verde tutt’altro che curato.

I responsabili di questo disastro -diretti e indiretti- si ritirino dalla scena, ma prima rispondano direttamente e in solido, anziché scaricare i loro maxi debiti sui laboriosi cittadini ternani.


Reazioni:

0 commenti inseriti:

Posta un commento

Commenta la polemica....

ranktrackr.net