LA TUA POLEMICA NEL BLOG?

Prenota il tuo spazio qui. INFO

domenica 27 maggio 2018

La redazione di Ternipolemica.it ha inviato 6 domande, sui temi "caldi" riguardarti la città, agli otto  candidati Sindaco che si sfideranno il 10 giugno. 
Il secondo candidato a rispondere è Paolo Angeletti del Pd.


1) In una città commissariata quali saranno le sue priorità d'intervento?

Prima di tutto il lavoro. Il mio impegno sarà rivolto ai giovani, alle donne, alle categorie più colpite da problemi economici e sociali. Non saranno dimenticati i punti di eccellenza della città (Teatro Verdi, Fontana Piazza Tacito, Cardeto, PalaSport, ex mercato coperto, base logistica), le risorse per portare a compimento progetti (alcuni già avviati) ci sono. Il mio impegno da Sindaco sarà snellire i tempi della burocrazia e assicurarmi che le risorse saranno accompagnate dai progetti, perchè senza di quelli le risorse stesse diventeranno solo fumo. Inoltre miglioramento, potenziamento, tutela e protezione del verde e dei parchi pubblici, anche garantendo la sicurezza. Non sono abituato a fare promesse, ma ho una visione chiara di città innovativa e sostenibile. Una sola promessa mi sento di fare: metterò a disposizione della città onestà e impegno nel rispetto dei miei valori. 

2) Quali sono in breve i Progetti e le proposte immediate per il rilancio del settore terziario da parte del candidato sindaco Angeletti nella città di Terni?

La sostenibilità economica si sviluppa con il sostegno all’Università e con il miglioramento dei rilanci turistici in un territorio ricco di meraviglie naturali come Valnerina, Marmore, Piediluco. Considerando il ruolo di attrazione che Terni ha per la sua collocazione geografica, va stimolato il coinvolgimento in progetti congiunti con i territori limitrofi superando gli attuali limiti regionalistici e nel rivendicare le necessarie infrastrutture di collegamento. Collegare Terni-Roma con l'alta velocità è cruciale per ridisegnare il ruolo territoriale di Terni come porta dell’Umbria sulla capitale. Va chiesta con forza la riapertura della Terni-Rieti per evitare pericolose code e congestionamento del traffico lungo la strada di Marmore-Piediluco, anche e soprattutto in vista della stagione estiva che porterà come sempre un notevole flusso di turisti.

3) L'infiltrazione criminale nella nostra città, frutto di scelte sbagliate a livello centrale, (vd. Carcere, 41 bis, As e relativo spostamento delle famiglie in loco) hanno minato il nostro tessuto occupazionale, già provato dalla crisi, e hanno creato un sistema clientelare malavitoso relativo anche alla gestione dei bandi di aggiudicazione gare. Che cosa ne pensate e quale potrebbe essere la “terapia" per arginare il malcostume generalizzato della insicurezza percepita?

Sulla sicurezza c’è molto da fare, con l’aiuto di tutti, anche delle forze dell’ordine. Ma non cadiamo nel tranello di pensare solo all’afflusso di immigrati. La sicurezza passa al di sopra della distinzione di razza e di religione. Ho sempre pensato che la videosorveglianza sia uno strumento efficace, peraltro ci sono metri di fibra ottica che possono essere utilizzati per tale scopo. 

4) Mobilità alternativa, piste ciclabili e varchi elettronici come bisognerebbe intervenire per diminuire l'utilizzo delle auto?

Bisogna rendere consapevoli i cittadini che l’inquinamento deriva anche da altre fonti, come l’uso eccessivo di autovetture. Devono essere incentivate piste ciclabili, percorsi pedonali, sfruttati i parcheggi disponibili, migliorare le pavimentazioni stradali, e in generale il decoro della città che ha l’obbligo di avere un aspetto dignitoso. Io abito in centro a giro in bicicletta. 

5) Fondi comunitari e smart city, cosa ne pensa il candidato Angeletti?

La partecipazione a bandi ministeriali e regionali ha consentito di intercettare importanti risorse economiche: fondi destinati all’area crisi complessa, progetti per la smart city, sicurezza urbana, piano periferie, interventi per l’adeguamento dell’edilizia scolastica. Risorse da utilizzare con capacità e rapidità decisionale, migliorando i tempi di attuazione. Va rafforzato e migliorato il rapporto di collaborazione con la Regione per rivendicare un’identità territoriale ben precisa che restituisca una nuova centralità alla città. 

6) Come rivitalizzare il centro cittadino?  E' in agenda la modifica dell'ordinanza anti-rumore/movida?

La movida, lo dice la parola stessa, è ciò che rende viva la città e io lo so bene vivendo in pieno centro. Più che vietare credo sia più giusto regolamentare. La movida va diffusa in più punti della città, non concentrarla in pochi spazi. Orari e date sicuramente servono per regolamentarla e garantire la convivenza tra commercianti e residenti.

Ringraziamo il candidato sindaco del Pd, Paolo Angeletti.
Reazioni:

0 commenti inseriti:

Posta un commento

Commenta la polemica....

ranktrackr.net