LA TUA POLEMICA NEL BLOG?

Prenota il tuo spazio qui. INFO

mercoledì 18 luglio 2018

La Ternana come ben sappiamo è caduta rovinosamente in serie C, in maniera vergognosa, ma distruggere le possibilità di ripescaggio in un giorno, "sembra preordinata la sentenza", è veramente una nuova retrocessione. 

Ancora nulla è deciso e ci auguriamo che intervengano tutti gli organi superiori, e la stessa Ternana calcio si faccia sentire con proteste durissime fino alla fine in tutte le sedi. Nelle prossime ore sono previsti incontri con i legali della Figc e domani a Cascia alle ore 16 è prevista una conferenza stampa dove verranno rese note le posizioni della società.

Il Novara che non pagava gli stipendi è stato riabilitato dal TFN perché anni fa la norma sul ripescaggio non prevedeva il blocco per questo motivo, questo significherebbe che in passato potevi anche non rispettare i contratti con i giocatori non accreditando gli emolumenti dovuti, la società di Pulvirenti condannata per illecito sportivo prima delle "odiate norme sul ripescaggio" verrebbe riammessa in serie B, anche qui l'illecito sportivo è sanato. In precedenza quindi libero arbitrio, si poteva tranquillamente delinquere.

Non parliamo poi del Foggia, che ha pagato più di uno stipendio, nelle ultime due stagioni, in contanti con denaro proveniente da attività illecite e gli è stato solamente inflitto un -15 nel campionato che prenderà il via ad Agosto. Per quanto mi riguarda un comportamento del genere meritava la retrocessione immediata e radiazione per tutta la società.
Per l'Avellino, Parma e Chievo ancora sono in corso le decisioni finali degli organi sportivi.

Fino a ieri pomeriggio con il fallimento di Bari e Cesena, le squadre in pole position per il ripescaggio erano Ternana e Siena, oggi alla luce del ricorso vinto dal Novara tutto è stravolto con il Catania che grida vendetta e pretende il rispetto delle regole. 

E' tutto semplice, in questo modo verrebbe privilegiata l'illegalità diffusa e santificati gli imprenditori scorretti.
A fronte di retrocessione per demeriti sportivi e l'eventuale riammissione per meriti extra calcistici, i criteri dovrebbero prevedere che chi non ha le carte in regola, chi non è esente da debiti con il fisco e chi ha "macchie" dal punto di vista giuridico, dovrebbe essere escluso. 

Invece no e se Bandecchi ieri minacciava vi riporto in serie B e forse venderò, presa come una boutade di fine luglio inipotizzabile, visti gli impegni economici già presi e con il calciomercato in corso, alla luce dei fatti ha pienamente ragione a volere perseguire una possibile via del genere.

Le regole sono uguali per tutti, mi piacerebbe sapere che cosa ne pensa Cantone dell'Anac o qualche giudice integerrimo fin troppo rigido nelle decisioni e nelle interpretazioni. 

Da sportivo mi auguro che queste velleitarie prese di posizione, premetto, a seguito di sentenza del tribunale federale nazionale, vengano stoppate da chi di dovere, in questo modo si creerebbe un precedente unico e deleterio per il nostro calcio. 

E aggiungo se la Ternana calcio decidesse di ritirarsi dal campionato a seguito del mancato ripescaggio sarei il primo a stringere la mano a Bandecchi e a Ranucci. Un calcio del genere non merita di vedere la nostra Ternana. 


I furbi e i delinquenti dopo essere condannati meritano un'altra chance ma sicuramente non di essere favoriti a scapito di chi è stato sempre in regola.


Reazioni:

0 commenti inseriti:

Posta un commento

Commenta la polemica....

ranktrackr.net